6 – FIAMMA D’AMORE

Vagavo nel mondo libero e vuoto:
crudele inganno di pace d’amore.
Perchè divino immortale splendore
vita sconvolge d’uomo mortale?

Candida notte di fiore di loto,
raggio di sole, mia stella glaciale,
di spirto malato dolce vestale,
da te chiara e fresca sgorga la vita.

Santo e funesto a me il giorno fatale:
ardente colpì favilla impazzita
dal fuoco celeste per via smarrita
cuore di carta che prese a bruciare.

Credi a me, che mai potrà esser finita
fiamma che Venere volle donare!
Perpetuo amore com’acqua del mare
nè cielo nè tempo ha mai cancellato.